offerta natale tartufi offerta natale tartufi

Se siete amanti di questa specialità, vi sareste sicuramente chiesti molte volte come cucinare il tartufo nel modo giusto, per valorizzarlo al meglio: per cucinare il tartufo non ci vuole tanto, ma ci vuole pochissimo anche a rovinarlo irrimediabilmente e, visto i prezzi non proprio contenuti, sarebbe un vero peccato! Ecco perché oggi non vi consiglieremo cosa fare, ma vi diremo cosa NON fare per essere certi di portare in tavola un tartufo in condizioni ottimali.

1) Non sottoponete mai i tartufi a lavaggi violenti.

Un articolo su come cucinare il tartufo deve assolutamente partire dal suo lavaggio o, meglio, dal suo “non lavaggio”: i tartufi soffrono molto l’umidità, quindi bisogna stare attentissimi e non metterli mai a bagno! Fate in questo modo:

  • Togliete delicatamente i residui di terra con uno spazzolino a setole morbide.
  • Se il tartufo è molto sporco, passatelo sotto un leggerissimo filo di acqua corrente.
  • Alla fine del procedimento asciugatelo con estrema attenzione.

Ricordatevi che la superficie dei tartufi è molto porosa, e tende ad assorbire l’acqua velocemente, tendendo poi a marcire.

Ovviamente questo discorso vale sia per i tartufi neri che, a maggior ragione, per quelli bianchi, che sono ancora più delicati.

Come cucinare il tartufo consigli

2) Non li abbandonate in frigorifero.

Partendo dalla regola generale che i tartufi prima si cucinano e meglio è, perché col tempo tendono a perdere il loro sapore ed il loro profumo distintivo, in frigorifero possono reggere fino ad un massimo di una settimana (i tartufi bianchi ancora meno) ma a patto di utilizzare alcune accortezze:

  • Avvolgeteli in carta assorbente da cucina
  • Metteteli in un contenitore di vetro ben chiuso
  • Cambiate tutti i giorni la carta da cucina.

E’ importantissimo cambiare la carta tutti i giorni, in modo da eliminare l’umidità in eccesso, che rischierebbe di far ammuffire i vostri tartufi: se avete la necessità di conservarli, ricordatevi di “curarli a dovere”.

3) Non utilizzate mai i tartufi “a freddo”.

Se li avete conservati in frigorifero, ricordatevi di tirare fuori i tartufi almeno 1 ora prima di cucinarli, in modo da poterli utilizzare a temperatura ambiente: i tartufi sprigionano al meglio tutti i loro aromi proprio grazie al calore delle vivande cui vengono aggiunti, e capite bene che un tartufo freddo difficilmente potrà esprimere tutte le sue potenzialità quanto a gusto e profumo!

Come cucinare il tartufo errori

4) Non cuocete mai il tartufo bianco.

Se volete sapere come cucinare il tartufo nel modo giusto, ricordatevi la regola più importante: il tartufo bianco è delicatissimo e non va mai cucinato, perché perderebbe tutte quelle caratteristiche che lo rendono tanto ricercato e costoso.

Le alte temperature lo distruggono, ma il giusto calore lo aiuta a sprigionare sapori e aromi: per questo motivo il tartufo bianco risulta perfetto tagliato in sottilissime scaglie utilizzate per guarnire piatti fumanti di pasta, di carne e non solo.

5) Non cuocete troppo il tartufo nero.

Il tartufo nero, meno delicato del bianco, regge meglio il calore, ma non così tanto, quindi:

  • Evitate assolutamente di soffriggerlo o rosolarlo.
  • Aggiungetelo, qualunque sia la ricetta in cui vi state cimentando, solamente a fine cottura.

Il tartufo nero risulta molto buono nei ripieni e nei paté, ed è ideale nella mantecatura finale dei primi piatti, cui dona quel tocco in più che nessun altro condimento è in grado di dare. Non dimenticatevi comunque mai di spolverare i piatti finiti con delle scaglie di tartufo crudo, perché il nero, come il bianco, da il meglio di sé al naturale!

Avreste mai detto che un articolo su come cucinare il tartufo si sarebbe trasformato in un invito a “non cucinarlo”? Beh, con i tartufi tutto può succedere, ed il bello è proprio questo!

Antonio Fortunati: una vita dedicata al tartufo!

come-cucinare-il-tartufo-fortunati-antonio

L’azienda di Antonio Fortunati, da decenni seleziona i migliori tartufi umbri vende tartufi freschi e conservati.

Date uno sguardo al nostro shop online, navigate fra gli scaffali, e scegliete quello che preferite fra:

  • Tartufi bianchi e neri freschi ( a seconda della stagione).
  • Tartufi congelati e conservati con procedimenti che non utilizzano né additivi né conservanti, in modo da permettervi di gustare i vostri preferiti in tutte le stagioni.
  • Salse e specialità, fra cui creme, olio e burro al tartufo.
  • Cofanetti misti per regali particolari e golosi, sicuramente graditi!

Tutti i nostri prodotti sono il frutto di un’attenta selezione, volta a portare sulle vostre tavole solo prodotti umbri di qualità, come da sempre è nostra tradizione!

Pin It on Pinterest

Shares